ACL Onlus lancia una petizione contro la speculazione economica sui randagi

7 maggio 2014

prigioniaACL Onlus ha lanciato il 5 maggio 2014, insieme ad alcune altre associazioni di tutela animale, una petizione tendente a portare all’attenzione delle istituzioni la questione del randagismo. Chiede a tutti i propri sostenitori ed in genere ai cittadini che hanno la consapevolezza della gravità del fenomeno, soprattutto nel centrosud del Paese, della sofferenza che comporta per gli animali e dello spreco di denaro pubblico che rappresenta, di sottoscriverla. Alle associazioni di tutela animale chiede di sostenerla per poter presentare alle istituzioni le richieste contenute nella petizione, una volta raggiunto l’obiettivo della raccolta di 50 mila firme.

INTRODUZIONE ALLA PETIZIONE

I cittadini e le associazioni animaliste chiedono alle Istituzioni di garantire L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE PER PREVENIRE E CONTENERE IL FENOMENO DEL RANDAGISMO per la tutela degli animali da affezione e per il relativo buon utilizzo del denaro pubblico.
Mentre circa 10 milioni di italiani godono in famiglia dell’amicizia e della compagnia degli “animali d’affezione”, migliaia di cani abbandonati e reietti sono condannati all’ergastolo nelle celle di canili, grazie all’irresponsabilità e all’insensibilità di cittadini, agli interessi economici di gestori e alla latitanza delle Istituzioni. Sono circa 150 mila i cani all’interno dei canili italiani: Puglia, Campania, Sicilia, Lazio, Calabria sono in cima alle classifiche per numero di randagi chiusi nelle strutture o vaganti per strada. Un gigantesco business di almeno 200 milioni di euro con sofferenza per gli animali e con enorme DANNO ALL’ERARIO.
I canili non sono la soluzione!
Il randagismo è una piaga causata principalmente dal possesso irresponsabile di animali d’affezione e dalla scarsa applicazione della Legge da parte delle Istituzioni.
LE LEGGI CI SONO E’ ORA DI RISPETTARLE!

Questa petizione è davvero importante e noi possiamo dare una mano. Clicca qui per saperne di più e firma:
http://www.avaaz.org/it/petition/ai_Comuni_ANCI_alle_Regioni_al_Ministero_della_Salute_al_Governo_Applicare_la_legge_sulla_prevenzione_del_randagismo_e_t/?mQcOdbb